INCISIONE

Le puntesecche sono punte in acciaio utilizzate per l’incisione delle lastre di zinco. Le forme proposte e le particolari angolazioni dell’affilatura, inizialmente ispirate alle tecniche più antiche e alla tradizione classica, rendono questi strumenti ottimali per le tecniche della puntasecca e dell’acquaforte. Inoltre, vista la possibilità di dettaglio che si può raggiungere, trovano ampio utilizzo anche per l’incisione a sbalzo, per la ceramica e per la scultura. La punta, scalfendo il metallo, crea un solco ed alza dei filamenti metallici detti “barbe” che trattengono l’inchiostro dando un caratteristico segno morbido.

Le sgorbie per linoleum garantiscono tratti precisi e ineguagliabili grazie, ad una elevata affilatura della lama e al manico in resina antiurto, che assicura un’ottima impugnatura e ne facilita l’utilizzo. Inoltre, l’economicità e la funzionalità di questi utensili li rende ideali per l’utilizzo scolastico.

Serie completa di utensili in acciaio ad alto tenore di carbonio affilati manualmente.

Il particolare trattamento termico dei raschietti, assicura un filo sempre tagliente, una durezza costante del “brunitoio” e della “punta”. 
L’impugnatura ingrossata permette una presa sicura per un controllo migliore dell’utensile mentre la finitura lucida consente un uso migliore dei prodotti chimici ed una migliore detergenza a fine lavoro. 

Utensili utilizzato per la tecnica dell’incisione.
Realizzato in tre dimensioni. 

ZINCO

Le lastre di zinco per incisione sono lucidate manualmente per rendere la superficie lucida a specchio e per consentire una stampa di qualità. Ogni lastra presenta un film protettivo per proteggere la parte lucida inoltre, su richiesta, è possibile trattare il retro della lastra con una speciale vernice antiacido.

Fogli di linoleum di altissima qualità,  con rete garzata di supporto e spessore di 3,2 mm. Disponibile in varie misure.

Viene utilizzato per linoleumgrafia che consiste, nell’incidere con sgorbie la matrice risparmiando in rilievo le parti che delineano l’immagine. Successivamente viene spalmato l’inchiostro, con un rullo o con un tampone, sulla parte in rilievo della matrice, ed eseguita la stampa con un torchio tipografico.